Home page
   martedì 11 agosto 2020  Fai diventare questo sito la tua Home Page Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti Contattaci Ricerca    


Notizie dal Capitolo

2 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

Siamo tutti nelle mani di Dio. Viviamo in pace il nostro Capitolo. Al momento opportuno, il Signore ci manifesterà la Sua volontà” (Fra Pascual Piles, Discorso di Apertura)

 

 

Alle ore 9,30 ha avuto inizio il LXVI Capitolo Generale con l’Eucaristia votiva dello Spirito Santo, presieduta dal P. Generale Fra Pascual Piles. Erano presenti tutti i Capitolari, oltre ad alcuni Collaboratori che presteranno il loro aiuto durante il Capitolo e un numeroso gruppo di Confratelli appartenenti alle Comunità di Roma.

 

E’ stata invocata la presenza dello Spirito Santo, affinché ci illumini al momento di redigere le delibere e le conclusioni di questo importante incontro internazionale dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio.

 

Alle ore 11 ha avuto inizio la Sessione di Apertura dove, dopo una breve preghiera, il P. Generale ha pronunziato un discorso molto sentito, sottolineando l’importanza della “passione per l’ospitalità di San Giovanni di Dio oggi nel mondo” (lo slogan del Capitolo), i momenti più importanti vissuti nel sessennio, il servizio di animazione e governo del P. Generale, con una panoramica sul magistero di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, e le sfide del futuro.

 

Dopo il discorso di apertura, i Confratelli delle Comunità di Roma hanno abbandonato la Sala Capitolare, con il saluto di tutti i presenti. Si fa notare che Fra Wolfgang Mösslacher, della Provincia Austriaca, non ha potuto partecipare per motivi di salute, ed è stato sostituito dal primo Vocale supplente, Fra Pius Volk.

 

E’ stata approvata all’unanimità la nomina del Segretario del Capitolo, Fra Giancarlo Lapic’, sacerdote della Provincia Lombardo-Veneta e originario della Croazia.

 

I due scrutatori, che devono verificare tutte le votazioni che avranno luogo durante il Capitolo sono: Fra Adalbert Malék, della Provincia Boemo-Morava, il Confratello più anziano tra i partecipanti, e Fra Gustavo Muchiutti, il più giovane, appartenente alla Provincia Sudamericana Meridionale.

 

Il Moderatore del Capitolo, il Dr. Álvaro Díaz, psicologo colombiano che lavora per SELARE, ha presentato la metodologia e l’orario previsti per il Capitolo, e ha parlato della presenza dei Collaboratori, la cui lista è pubblicata sulla pagina web.

 

Dopo il pranzo e un breve riposo, è stata proclamata una preghiera da Fra Elia Tripaldi della Provincia Romana; quindi il P. Generale ha iniziato a esporre la Memoria del sessennio (2000-2006) nei vari punti che la compongono: Vita dei Confratelli, Governo e Animazione dell’Ordine e Vita Fraterna. Di seguito Fra Luis Aldana, Consigliere Generale, ha illustrato l’argomento di sua competenza, la Pastorale Vocazionale e la Formazione.

 

Successivamente, i gruppi linguistici (1 per l’italiano, 1 francese, 2 inglese, 1 polacco, 1 tedesco e 2 spagnolo) si sono riuniti per riflettere su quanto è stato esposto dal P. Generale e da Fra Luis Aldana. Gli stessi gruppi hanno nominato quattro Commissioni per il buon andamento del Capitolo: Centrale, Liturgica, Redazione e Comunicazione, Benessere.

La prima giornata, che è stata piuttosto intensa, si è conclusa con la recita dei Vespri.

 

 

A cura della Commissione Redazione e Comunicazione, che informerà quotidianamente su questa pagina web.


 

3 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

Guardiamo al futuro con speranza. Rendiamo grazie a Dio per quanto abbiamo vissuto”

 (Fra Pascual Piles)

 

 

Oggi il Capitolo Generale ha completato la prima fase dei lavori: alla fine della giornata erano state presentate le relazioni dei Confratelli che fanno parte del Governo Generale, e che hanno avuto la responsabilità delle seguenti aree della vita dell’Ordine negli ultimi sei anni: Gestione Carismatica (P. Generale); Pastorale della Salute (P. Generale), Bioetica (P. Generale), Collaboratori (Fra Donatus Forkan), Missioni (Fra Donatus Forkan), Postulazione Generale (Fra Félix Lizaso), Segreteria Generale (Fra José Luis Muñoz), Economato Generale (Fra Emerich Steigerwald) e Ospedale dell’Isola Tiberina (Fra Pietro Cicinelli). Le relazioni sono state esaurienti e dettagliate. Fra Victor Martín Martínez ha presentato ai Capitolari la nuova pubblicazione illustrata su “Arte e Cultura dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio”.

 

A mezzogiorno i Capitolari riuniti nella cappella hanno assistito alla celebrazione della Liturgia Eucaristica, presieduta dal Cardinale Franc Rodé, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. Nella sua omelia, centrata sulla Parola del Vangelo, e in particolare sulla parabola del Buon Samaritano, il Cardinal Rodé ha sottolineato come l’amore caritatevole e misericordioso del samaritano nei confronti del viandante ferito è una specie di sacramento che ognuno può amministrare alla persona sofferente cui si trova di fronte.

 

  

(A cura della Commissione Redazione e Comunicazione)


 

4 ottobre 2006

“Con fantasia e con passione per l’ospitalità di San Giovanni di Dio”

(Omelia di S.E. Cardinal Fiorenzo Angelini)

 

Il 4 ottobre 2006 i lavori capitolari sono iniziati alle ore 8.30 con i lavori di gruppo nei quali sono state commentate e discusse le relazioni presentate dal Governo Generale il giorno precedente. Alle ore 9.30 i Capitolari si sono riuniti in assemblea plenaria che è stata aperta dal Provinciale della Provincia Austriaca, Fra Paulus Kohler, con una breve meditazione. In seguito è stato presentato il rapporto di ricerca sullo stato della formazione nell’Ordine di cui il prof. Mion SDB della Pontificia Università Salesiana ha illustrato i punti salienti in una breve sintesi. Alla fine della presentazione i Capitolari hanno avuto la possibilità di formulare delle domande. Alle ore 12.00 S. E. Card. Fiorenzo Angelini ha celebrato l’eucaristia in aula con i Capitolari. Il Card. Angelini ha compiuto da poco 90 anni e svolge da 50 anni il proprio ministero episcopale. I lavori capitolari sono ripresi alle ore 15.30 del pomeriggio con un’introduzione meditativa del Provinciale della Provincia Bavarese, Fra Rudolf Knopp. E’ seguita la lettura del verbale capitolare da parte del Segretario del Capitolo, quindi i Capitolari si sono riuniti di nuovo nei gruppi di lavoro. Nella successiva assemblea plenaria i gruppi di lavoro hanno presentato le proprie conclusioni. Dopo cena hanno avuto la possibilità di informarsi sul nuovo hospice in Cina. Fra Thadu Kang ha presentato il progetto. Nel frattempo la Commissione Benessere sta organizzando una partita di calcio.


5 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

“Testimoni di una vita religiosa ospedaliera gioiosa e feconda”

 

 

Questa giornata inizia con la celebrazione dell’Eucaristia presieduta da Fra Fintan Brennan-Whitmore, Provinciale Irlandese.

 

Alle ore 9,30, i Capitolari si sono ritrovati nell’aula capitolare per ascoltare l’esposizione del Dr. Salvino Leone, medico e teologo, che collabora da molti anni con la Provincia Romana. Il Dr. Leone ci ha presentato il documento di lavoro del Capitolo - Instrumentum Laboris - che, come dice il nome, viene proposto come strumento di riflessione al fine di facilitare lo studio e gli interscambi sui punti relativi alla vita dell’Ordine. Le fonti di ispirazione del documento sono: la Parola di Dio rivelata nella Sacra Scrittura, il Magistero della Chiesa, la vita, le opere e gli scritti di San Giovanni di Dio, la Carta d’Identità dell’Ordine, oltre alle nostre Costituzioni e agli Statuti Generali.

 

Elaborato da una commissione formata da Confratelli e Collaboratori, questo documento offre una panoramica sulla situazione attuale dell’Ordine, e si articola in quattro parti:

 

  1. Vita dei religiosi;
  2. Missione dell’Ordine;
  3. Collaborazione;
  4. Aspetti giuridici.

 

Per la giornata odierna, siamo stati invitati a riflettere sulla prima parte, quella riguardante la vita dei Confratelli, che comprende:

 

Pastorale Vocazionale;

Formazione iniziale e permanente;

Vita fraterna e nuove forme di comunità.

 

La giornata si è conclusa con una visita alla Comunità dell’Ospedale San Giovanni Calibita all’Isola Tiberina, dove abbiamo recitato i Vespri e condiviso un’agape fraterna.


6 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

“Siete la speranza nello spirito di tutte le persone sofferenti del mondo”

(Card. Javier Lozano)

 

 

Dopo la recita delle Lodi nei gruppi linguistici e la colazione, i lavori del Capitolo sono ripresi alle ore 8,45 circa, con una sessione plenaria durante la quale i segretari degli 8 gruppi linguistici hanno comunicato all’assemblea le conclusioni del lavoro di ieri, relativamente ai temi della Vita dei Religiosi. E’ stato poi lasciato del tempo alla formulazione di domande, risposte e commenti su quanto è stato detto: sulla Pastorale Vocazionale, la formazione permanente, le nuove forme di comunità, ecc.

 

Alle ore 12,15 abbiamo celebrato l’Eucaristia, presieduta da S.E. il Cardinale Javier Lozano, Presidente del Pontificio Consiglio per la Pastorale della Salute, che ha tenuto un’omelia ben centrata sui temi ospedalieri e sanitari.

 

I lavori del pomeriggio sono iniziati con la lettura e l’approvazione del verbale del giorno precedente, cui è seguito il lavoro in gruppi, formati non su base linguistica ma per continenti: Australasia, Africa, Americhe e Europa. Nel caso dei continenti con maggiore varietà linguistica, siamo stati aiutati dagli interpreti.  Durante i lavori, ogni Confratello ha ricevuto copia delle conclusioni degli Incontri Regionali realizzati per continente nei primi mesi di quest’anno 2006.

 

Alle ore 17,45 è iniziata la plenaria sulle conclusioni di ogni gruppo linguistico, sempre con l’aiuto del Moderatore Dr. Álvaro Díaz.

 

Al termine della giornata ha avuto luogo una partita di calcio, con la partecipazione di una dozzina di giocatori tra Confratelli e Collaboratori, e alle ore 20,30 dopo la cena la Provincia Andalusa ha presentato in modo riassuntivo le sue opere, e più dettagliatamente le potenzialità del moderno Ospedale San Giovanni di Dio di Aljarafe, inaugurato nel 2003, che opera in una zona con 300.000 abitanti, vicino a Siviglia.


 

7 ottobre 2006

 

“Spero in Dio di recitare il Rosario tutte le volte che potrò e Dio vorrà”.

(San Giovanni di Dio, LB 17)

 

 

I lavori sono iniziati alle 9,30 del mattino con una sessione plenaria per la lettura e l’approvazione del verbale del giorno precedente, cui è seguito il lavoro in gruppi linguistici per elaborare delle proposte a conclusione dell’esame della prima sezione dell’Instrumentum Laboris, dedicata al tema Vita dei Religiosi. La sessione plenaria è ripresa alle 11 per ascoltare le proposte elaborate dai gruppi linguistici.

 

Prima del termine della sessione fra Giuseppe Magliozzi ha letto una breve riflessione sulla ricorrenza liturgica della Madonna del Rosario, istituita da San Pio V per ringraziare la Vergine della vittoria sui Turchi ottenuta per sua intercessione a Lepanto il 7 ottobre 1571. Durante quella battaglia prestarono assistenza infermieristica otto Fatebenefratelli, guidati da fra Pietro Soriano, e quell’episodio meritò l’approvazione pontificia della nostra Famiglia Religiosa. In sintonia con la ricorrenza liturgica mariana, l’agenda del Capitolo Generale ha previsto nella seconda parte della giornata un pellegrinaggio al vicino Santuario della Madonna del Buon Consiglio, della cui devozione fu zelantissimo propagatore il nostro celebre dentista fra Giovanni Battista Orsenigo (1837-1904), la cui biografia è consultabile in italiano nel sito web .

 

Nel pomeriggio due pullman hanno accompagnato i Capitolari al Santuario di Genazzano, dove alle ore 16 la Concelebrazione all’altare della Madonna è stata presieduta da fra Elia Tripaldi, che all’omelia ha ricordato come la Madre del Buon Consiglio sia per noi anche Madre dell’ospitalità, del servizio e della disponibilità piena, per cui ricorriamo a Lei affinché ci aiuti a servire il suo figlio Gesù, presente nei poveri e nei sofferenti.

 

Dopo il Rito, i Capitolari hanno visitato il Museo del Santuario, al cui ingresso è stata posta lo scorso 20 maggio una lapide commemorativa di fra Orsenigo, in ricordo dell’impegno con cui egli nel 1903 zelò che Leone XIII inserisse nelle Litanie Lauretane l’invocazione alla Madonna del Buon Consiglio. Prima di rientrare a Roma i Capitolari hanno cenato a Grottaferrata, ospiti della Provincia Romana.


 

9 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

Per la gestione carismatica dei centri e delle opere è necessaria

una specifica formazione del cuore ” (cfr. Instrumentum Laboris)

 

 

Il giorno 8 ottobre (domenica), non si sono tenute riunioni di lavoro del Capitolo Generale. I Confratelli hanno potuto riposare, o si sono dedicati a brevi escursioni per la città.

 

L’Eucaristia del giorno 9 è stata presieduta dal Padre Generale dei Salesiani, P. Pascual Chávez, che nella omelia ci ha parlato della simbiosi tra la vita consacrata e l’Eucaristia, e dell’importanza della missione del Buon Samaritano.

 

In plenaria, si sono uniti al Capitolo Generale 21 Collaboratori, appartenenti alle diverse Province dell’Ordine. Si è iniziato a studiare in gruppi linguistici il tema della Gestione Carismatica, cercando delle strade da seguire nel futuro. E’ un tema appassionante e al quale sia i Confratelli, sia i Collaboratori, hanno dato grande importanza.

 

In tarda serata la Provincia Aragonese e la Provincia del Messico hanno mostrato vari filmati e presentazioni con l’ausilio di sistemi multimediali sulla loro missione e sull’opera di evangelizzazione in Spagna, Messico e Cuba, oltre al nuovo Centro Psichiatrico di San Pedro Sula in Honduras.


10 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

Può costituire un’importante sfida per l’Ordine negli anni futuri l’incorporazione e inculturazione del carisma presso altre culture e tradizioni religiose” (Instrumentum Laboris, 2.19)

 

 

Le sessioni capitolari della mattina e del pomeriggio sono iniziate con una preghiera, che è stata animata rispettivamente dalla Provincia Irlandese e dalla Delegazione Generale del Canada. La preghiera solitamente è accompagnata da una presentazione con sistemi audiovisivi, per facilitare la riflessione.

 

I Capitolari hanno continuato a lavorare sul tema ‘Missione dell’Ordine’, seguendo l’Instrumentum Laboris. Ad ogni gruppo è stato chiesto di formulare delle proposte, anche generiche, di cui tenere conto al momento di procedere alla programmazione dell’integrazione di Confratelli e Collaboratori nella missione dell’Ordine e della trasmissione dei valori della nostra Istituzione.

 

I 21 Collaboratori che si sono uniti al Capitolo si sono ritirati dai gruppi linguistici per un certo periodo, in modo da potersi incontrare come gruppo distinto e concordare la stesura di una dichiarazione da portare al Capitolo.

 

Alla sessione del pomeriggio il Presidente del Capitolo, Fra Pascual Piles Ferrando, ha informato i presenti che il sito web dell’Ordine nell’ultimo mese ha ricevuto oltre 23.000 contatti, con un grande aumento dall’inizio del Capitolo.


Mercoledì, 11 ottobre 2006, Salesianum – Roma

“La carità non è per la Chiesa una specie di attività di assistenza sociale che si potrebbe anche lasciare ad altri, ma appartiene alla sua natura, è espressione irrinunciabile della sua stessa essenza” (Deus caritas est, 25)

 

L’odierna giornata capitolare è cominciata con la messa votiva a San Riccardo Pampuri celebrata dal Provinciale della Provincia Romana Fra Angelico Bellino. Alle ore 9.30 Fra Jairo Enrique Urueta Blanco della Provincia Colombiana ha aperto la sessione mattutina con un input meditativo. Dopo una prima parte in plenaria, in cui sono state discusse le conclusioni dei lavori di gruppo della giornata precedente, i capitolari alle ore 10.30 si sono di nuovo riuniti in gruppi linguistici per discutere i seguenti temi: pastorale della salute, bioetica e cooperazione (networking).

 

Dalle ore 14.45 alle 15.30 i collaboratori presenti al Capitolo si sono incontrati tra loro per lavorare insieme. L’input meditativo all’inizio della sessione pomeridiana è stato animato da Fra Robert Moore della Provincia Inglese. Dopo la lettura e l’approvazione del verbale della giornata del 10 ottobre 2006, Fra Marco Fabello ha presentato un libro dedicato a Fra Pierluigi Marchesi. Il libro, di cui è stata consegnata una copia ad ogni partecipante, consta di 580 pagine e ha come titolo: “Umanizzazione – storia e utopia”.

 

In seguito sono state presentate le conclusioni dei gruppi e i capitolari hanno avuto la possibilità di discuterle in assemblea plenaria.

 

Alle ore 17.30 il Capitolo è stato allietato dalla visita del Governo Generale delle Suore Ospedaliere del Sacro Cuore di Gesù di San Benedetto Menni. Il P. Generale Pascual Piles ha accolto calorosamente la Superiora Generale e le sei Consigliere. Le Suore hanno presentato la loro Congregazione al Capitolo. Successivamente ha avuto luogo un animato scambio tra le Suore e i capitolari. Alla fine dello scambio la Madre Superiora ha consegnato al P. Generale un prezioso calice, mentre questi ha regalato alle Suore il libro sul patrimonio artistico dell’Ordine e un busto di San Giovanni di Dio. La visita si è conclusa con i vespri e la cena in comune.

 

Alle ore 20.30 c’è stata la possibilità di assistere alle presentazioni video delle Province Colombiana, Portoghese e Polacca. Quest’ultima ha informato sulla sua attività in Ucraina.


12 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

Come il seme caduto sulla Buona Terra, dobbiamo essere uomini e donne di Fede, di Speranza e di Carità, capaci di far crescere l’albero dell’ospitalità ” (Fra Peter Burke)

 

 

La sessione plenaria inizia alle ore 8,45 con la preghiera animata da Fra Peter Burke, Provinciale d’Australia.

 

Di seguito, Fra Pascual Piles, Presidente del Capitolo, ringrazia la Provincia Irlandese per il regalo che ha fatto ai partecipanti: si tratta di un CD di canti liturgici sull’ospitalità, di un coro diretto da una religiosa irlandese di cui fa parte la collaboratrice presente al Capitolo, Sig.ra Deidre Reece.

 

Fra Pascual presenta poi i suoi migliori auguri a Fra Salvino Zanon, della Provincia Lombardo-Veneta, e al Sig. Salvino Leone, della commissione prepratoria, per il loro onomastico. I due festeggiati ricevono un caloroso applauso da parte dell’assemblea. Fra Pascual indica che, in occasione della S. Messa che sarà celebrata a mezzogiorno per i malati, saranno conferiti i ministeri di Lettore e Accolito a Fra Peter Nguyen Minh Thang, della Provincia del Vietnam.

 

Il Moderatore, Dr. Alvaro Diaz, comunica poi il programma della giornata, precisando che oggi è l’ultimo giorno in cui i gruppi linguistici lavoreranno insieme sul tema della Missione dell’Ordine, in particolare sulla collaborazione e il cosiddetto ‘networking’. Dopo una breve presentazione di questo tema, ogni gruppo linguistico si riunisce per degli scambi sulle basi di riflessione proposte dall’Instrumentum Laboris. Gli scambi proseguono poi per gruppi regionali.

 

Alle ore 15,30 i gruppi regionali proseguono i lavori sul tema del giorno e alle ore 17,00, dopo una preghiera diretta da Fra Stephen de la Rosa, Provinciale degli Stati Uniti, il Segretario del Capitolo legge all’assemblea il verbale del lavoro svolto durante la giornata, che è stata particolarmente ricca e fruttuosa. I Confratelli e i Collaboratori sono poi invitati all’Ospedale San Pietro per la recita dei Vespri e per una cena fraterna e festosa.


 

13 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

“Vorremmo inviare un messaggio di fiducia: l’Ordine non si estinguerà, anche con l’attuale e futura penuria di religiosi fino a quando ci saranno laici che responsabilmente parteciperanno al suo carisma, lo custodiranno e lo attueranno(dal contributo al discernimento da parte dei Collaboratori laici)

 

 

La giornata del 13 ottobre è iniziata alle ore 7,30 del mattino con la celebrazione dell’Eucaristia per i Collaboratori e le loro famiglie.

 

Alle 9,30 sono iniziati i lavori in aula capitolare. Sul tavolo ogni Capitolare ha trovato dei regali: dalla Curia Generalizia, l’Ospedale dell’Isola Tiberina, la Provincia Francese, il Messico e la Sudamericana Settentrionale.

 

Facendo seguito ai lavori del giorno precedente, è stato lasciato spazio agli interventi dei temi presentati dai gruppi: collaborazione (networking).

 

Di seguito è stata data la parola a Fra José M. Bermejo, che ha proiettato una selezione fotografica che ha suscitato molta distensione tra i presenti: erano immagini dei Confratelli e dei Collaboratori Capitolari montate con frasi umoristiche che facevano allusione ai loro interventi e alla loro presenza al Capitolo.

 

Il Moderatore ha poi introdotto il tema degli aspetti giuridici ed ha invitato i Capitolari a lavorare in gruppi linguistici, per mezz’ora, ai due primi punti: l’integrazione delle Province e la struttura della Curia Generalizia.

 

Alle ore 10,45, dopo la lettura e l’approvazione del verbale del giorno precedente, sono state esposte le conclusioni dei lavori, completate con alcuni interventi personali.

 

E’ stato poi presentato il messaggio ufficiale dei Collaboratori, letto a nome di tutti dal Dr. Salvino Leone. In questo messaggio hanno ringraziato per l’invito a partecipare, rivolto a questo gruppo così numeroso; hanno espresso il loro apprezzamento per gli ampi dibattiti riguardanti il tema dei Collaboratori dell’Ordine, ed hanno manifestato le loro riflessioni, petizioni e suggerimenti. E’ seguito un breve discorso del Superiore Generale, che li ha ringraziati per la loro presenza e per il contributo al Capitolo e alla missione dell’Ordine nel mondo.

 

Il pomeriggio è stato dedicato interamente al discernimento nella fase elettiva, che è stato guidato da Suor Helena O’Donoghue, irlandese, appartenente alla Congregazione delle Suore della Misericordia, invitata appositamente per questo momento. C’è stato del tempo iniziale dedicato alla preghiera congiunta, cui è seguita una riflessione sulla ‘leadership in un momento di cambiamenti’, una breve riunione per gruppi, quindi un rito di riconciliazione e un’ora di adorazione davanti al Santissimo Sacramento. In serata sono terminati i lavori, ma la riflessione personale e nei gruppi continua e continuerà la mattina del sabato, giorno in cui (alle ore 15,30) è prevista l’elezione del Superiore Generale.


14-16 ottobre 2006,  Roma – Salesianum

 

E’ stato eletto Superiore Generale

 

Fra Donatus FORKAN

 

Nato a Kinaffe, Swinford, Irlanda, il 5 aprile 1942. Ha emesso la professione temporanea il giorno 8 settembre 1960 e quella solenne il 28 agosto 1966. Eletto 2° Consigliere Generale nel Capitolo Generale del 1994; rieletto 1° Consigliere Generale il 18 novembre del 2000 nel Capitolo Generale tenutosi a Granada, Spagna.

 

Sono stati eletti Consiglieri Generali:

 

1° Fra Rudolf KNOPP, Germania, Provincia Bavarese

2° Fra Jesús ETAYO ARRONDO, sac., Spagna, Provincia Aragonese

3° Fra Vincent KOCHAMKUNNEL, India, Provincia Indiana

4° Fra Elia TRIPALDI, sac., Italia, Provincia Romana

5° Fra Robert CHAKANA, Zambia, Provincia Africana NSM

6° Fra Daniel Alberto MÁRQUEZ BOCANEGRA, Colombia, Provincia del Messico


17 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

All'interno dell'Ordine religioso che fa dell'ospitalità il suo carisma specifico la dimensione del servizio diventa assolutamente irrinunziabile ed esprime la ragion d'essere delle proprie opere e l'atteggiamento interiore dei collaboratori più coinvolti.

(Carta d’Identità dell’Ordine, 7.3.1.)

 

 

In questa giornata il Capitolo si è concentrato sull’esame di alcune proposte che erano state presentate in precedenza, e che potrebbero cambiare alcuni punti del diritto proprio dell’Ordine. Le proposte erano accluse nell’Instrumentum Laboris, e sono state illustrate più dettagliatamente dal Segretario Generale, Fra José Luis Muñoz. I Capitolari si sono poi riuniti nei gruppi linguistici per parlare di queste proposte; quindi sono rientrati in aula capitolare ed hanno espresso il proprio voto.

 

A mezzogiorno i Confratelli sono rimasti nella sala capitolare, dove il Superiore Generale dei Camilliani, P. Frank Monks, ha celebrato la S. Messa. Nell’omelia P. Monks ha parlato dello stretto legame che unisce il nostro Ordine a quello dei Camilliani; quindi ha elogiato il lavoro ‘pionieristico’ intrapreso dall’Ordine che ha voluto coinvolgere direttamente i laici nel ministero sanante della Chiesa. Ha detto inoltre che il mondo contemporaneo ha un estremo bisogno del carisma dell’ospitalità, che è una risposta all’ostilità esistente tra popoli, fedi e nazioni.

 

Dopo il pranzo, il Capitolo ha accolto Fra Fiorenzo Priuli, della Provincia Lombardo-Veneta. Fra Fiorenzo è un medico chirurgo che lavora in Africa, presso gli ospedali dell’Ordine in Togo e in Benin. E’ venuto in Italia per partecipare a un congresso di chirurgia, e in particolare per parlare della chirurgia nei Paesi in via di sviluppo. Ha presentato al Capitolo un rapporto del suo lavoro in Africa.

 

Il Capitolo è poi continuato con l’esame delle proposte che erano state già sottoposte in precedenza. In serata Fra Marco Fabello ha presentato un video sulla ricerca che viene portata avanti dall’Ordine in Italia e un tributo al compianto Priore Generale Fra Pierluigi Marchesi. Fra Brian O’Donnell ha poi proiettato una raccolta di immagini del Capitolo.


18-19 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

“Signore, tu hai sempre mostrato la via da seguire per i giorni a venire;

ed anche se la via è nascosta, io credo in te”

 

 

La sessione plenaria inizia alle ore 9,30 con la meditazione spirituale animata da Fra Thadu Kang.

 

Il Presidente del Capitolo, Fra Donatus Forkan, dà poi qualche informazione sui tempi forti vissuti nella giornata di ieri, ed in particolare:

 

·                    La partecipazione dei Capitolari all’udienza del Santo Padre. Segnala che ha potuto avvicinarsi al Papa, accompagnato da Fra Rudolf Knopp e da Fra Vincent Kochamkunnell. Il Papa gli ha dato la sua benedizione come nuovo Superiore Generale dell’Ordine, assicurando le sue preghiere e il suo incoraggiamento.

 

·                    L’accoglienza calorosa che ci è stata riservata dalla Comunità della Nocetta, dove abbiamo pranzato tutti insieme.

 

·                    La visita del pomeriggio alla Comunità di Sant’Egidio, che ha permesso ai Confratelli di conoscere meglio questa Comunità e le attività che porta avanti.

 

Il Presidente ha ringraziato la Provincia Inglese per averci donato l’album per il 125° anniversario dell’arrivo dei Confratelli in Inghilterra, e la Provincia Romana per il CD contenente le foto della serata trascorsa a Villa San Pietro.

 

Di seguito Fra José M. Bermejo de Frutos, Provinciale di Castiglia, ha presentato il libro sul ‘Processo di beatificazione di San Giovanni di Dio’, frutto del paziente lavoro di ricerca svolto da Fra José Luis Martínez Gil, che è stato poi invitato a parlare del contenuto di quest’opera, che contiene numerose testimonianze di persone che sono state vicine a San Giovanni di Dio. Dopo aver ringraziato Fra José Luis Martínez Gil per la sua presentazione, il Moderatore ha invitato l’assemblea a continuare con l’esame delle proposte.

 

Alle ore 15,30, dopo la preghiera animata dalla Provincia Indiana, Fra Víctor Martín Martínez legge le linee d’azione elaborate dalla Commissione di Redazione, composta dai Confratelli Brian O’Donnell, Giuseppe Magliozzi, Alain-Samuel Jeancler, Benedict Hau, Augusto Vieira e Victor Martin. Il Moderatore invita poi i gruppi linguistici a dare la propria valutazione sulle diverse proposte.

 

Durante la serata ricreativa, Fra Benedict Nadayil, Provinciale dell’India, presenta le Comunità e le fondazioni della sua Provincia.


20 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

 

“I consacrati oggi hanno il compito di essere testimoni della trasfigurante presenza di Dio in un mondo sempre più disorientato e confuso, un mondo in cui le sfumature hanno sostituito i colori ben netti e caratterizzati”

(Benedetto XVI, 22 maggio 2006)

 

Dopo la S. Messa celebrata nei gruppi linguistici, questi si riuniscono alle 9,30 del mattino per esaminare la formulazione provvisoria degli obiettivi che il nostro Ordine intende raggiungere nel prossimo sessennio. Tale formulazione è stata elaborata dalla Commissione di Redazione basandosi sia sull’Instrumentum Laboris sia sulle successive osservazioni e proposte presentate nei giorni precedenti dai gruppi linguistici e regionali.

 

Terminati alle 11 i lavori di gruppo, la sessione plenaria inizia alle 11,30 con uno spunto di preghiera presentato da fra Yanka Sharma, vocale della Provincia Indiana, il quale sottolinea la necessità di centrare in Cristo la nostra Vita di Comunità. Segue la lettura e l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti. La sessione prosegue poi fino ad ora di pranzo con l’ascolto delle proposte finali elaborate da quattro dei gruppi linguistici e con la loro libera discussione in Aula.

 

Alle ore 15,30, dopo un momento di preghiera animato da fra Leopoldo Gnami, vengono ascoltate e discusse le proposte finali elaborate dai restanti tre gruppi linguistici. Al termine i vocali approvano per alzata di mano che la Commissione di Redazione si riunisca entro la giornata ed avvalendosi delle relazioni dei sette gruppi linguistici e degli ulteriori apporti della discussione in Aula, elabori, affinché sia letto e valutato nella sessione plenaria conclusiva del 21 ottobre, il testo definitivo delle linee guida che si desidera ispirino l’attività del nostro Ordine nel prossimo sessennio.


21 ottobre 2006 – Casa di Ospitalità dei PP. Salesiani, Roma

Chiusura del Capitolo

 

 

“Dobbiamo tenere una mano sulla Bibbia e l’altra sul quotidiano del giorno se vogliamo portare al mondo la Buona Novella in una lingua che sia compresa”.

 (cfr. Fra Donatus Forkan, Superiore Generale, Discorso di chiusura)

 

 

La giornata del 21 ottobre ha avuto un significato particolare per i Confratelli Capitolari, in quanto era il giorno di chiusura del Capitolo.

 

I lavori sono iniziati alle 8,45 in aula capitolare, con il Superiore Generale che ha preso la parola per ricordare che era sabato, giorno evocativo della Madonna, e dichiarando che sotto la sua protezione collocava il suo Generalato.

 

Di seguito sono stati letti e approvati i verbali dei giorni 19 e 20, conferendo il mandato a due Confratelli affinché, a nome di tutti, controllassero il verbale della giornata di oggi, che ovviamente non è stato possibile approvare in assemblea.

 

Quindi Fra Victor Martín, a nome della Commissione di Redazione, ha letto (in spagnolo, con l’aito della traduzione simultanea), la versione corretta delle proposte elaborate e perfezionate nei giorni precedenti, per un totale di 57 proposte, includendo le varie aree dell’Ordine: Vita dei Confratelli, Missione dell’Ordine, Collaborazione (Networking), Aspetti Giuridici.

 

Sono seguiti alcuni brevi interventi sul testo presentato, e i complimenti alla Commissione di Redazione per il buon lavoro realizzato. Il Presidente ha chiesto l’approvazione delle proposte in blocco, il che ha avuto luogo con un applauso generale.

Dopo un brevissimo intervallo, sono ripresi i lavori. Il Moderatore ha comunicato i risultati della valutazione del Capitolo, richiesti il giorno precedente, cui è seguita poi la lettura del discorso di chiusura da parte del Superiore Generale, Fra Donatus Forkan.

 

Nel suo discorso, tra le altre cose, il P. Generale ha affermato che abbiamo vissuto un’esperienza pentecostale, ha salutato con affetto il Superiore Generale uscente, Fra Pascual Piles, per il suo contributo prezioso, intelligente e appassionato all’Ordine; ha ringraziato poi anche i Consiglieri uscenti, e ha detto che ha vissuto la sua elezione con una sorprendente pace interiore, ed ha riconosciuto che l’Ordine si trova di fronte un arduo compito in questa nostra difficile epoca. Fra Donatus ha poi detto che si dedicherà totalmente al suo ministero, con tanta speranza e qualche sogno, certo dell’aiuto del Signore; che lavorerà collegialmente con i suoi Consiglieri e con i Provinciali, riconoscendo che dovremo impegnarci di più nel campo della formazione dei Collaboratori, consapevoli del fatto che anche i laici hanno ricevuto la chiamata a fare del bene e a praticare l’ospitalità secondo lo stile di San Giovanni di Dio. Per finire, ha ringraziato le persone e i gruppi che hanno lavorato per il buon svolgimento del Capitolo, assicurando ai Confratelli e ai malati la propria disponibilità.

 

Alle ore 11,30 con due pullman, i Capitolari si sono recati alla sede della Curia Generalizia per la celebrazione della S. Messa e per il pranzo festivo in occasione dell’onomastico del Superiore Generale (celebrato con un giorno di anticipo). L’Eucarestia è stata presieduta da Fra Pascual Piles, con i testi della solennità di N.S. del Patrocinio. Al termine del pranzo, alcuni Capitolari sono partiti per fare ritorno ai luoghi di provenienza.



Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
 Home page  
Sito Ufficiale Fatebenefratelli - Ver. 1.0 - Copyright © 2020 Fatebenefratelli - Powered by Soluzione-web